Nel disastro di domenica scorsa, mentre Marta riusciva a schivare grazie alla commissione l’eliminazione, la vittima dei blù è stata la povera Maria Luigia La Rocca. Sciantosa quanto basta, crudele e schietta, mai costruita, al limite dell’educazione in alcuni suoi interventi, Maria Luigia si è distinta in tutto l’anno per il suo caratterino niente male, per polemicuccie grandi e piccole, per il tentativo di emergere in una affollata ed eccessiva classe di canto.

In polemica aperta con la sua squadra di partenza (il Sole), la La Rocca s’è guadagnata una fama, non proprio invidiabile, di rompiscatole, che nessuno vuole mai far cantare. Eppure, il talento e il vocione da Loredana Berté mica le manca: anzi, forse, tra tante gatte morte e splendide incompiute, ha dimostrato diverse volte d’essere molto meglio di alcune delle sue “piccole” concorrenti.

La capigliatura aggressiva ha fatto, in questi mesi, il paio con alcune scelte di campo non sempre particolarmente simpatiche, come quella di cercare a tutti i costi un filarino da esibire (la poverina, invece, s’è trovata davanti tutti mezzi uomini, intimoriti dalla sua vitalità tanto da allontanarsi di fronte alle sue avance e cercare la fuga precipitosa) o quella di contestare la scarsa affidabilità di insegnanti sia della Di Michele sia dell’infelice Palma.

Memorabili le sue sincere parole davanti ai due maestri impietriti, quando li sistemava sul loro cadreghino in quattro e quattr’otto, inchiodandoli alle loro responsabilità. E, se si pensa che sarebbe stata un’altra incompiuta tra i tanti mezzi talenti di quest’anno grazie all’abilità didattica dell’impareggiabile duo Grazia-Fabrizio, viene davvero da mordersi le mani. Quella grinta straordinaria, quel graffio di voce che la caratterizza com’è diventato col tempo (e grazie a Jurman) punto di forza!

Avesse Jurman cominciato prima, la metamorfosi della bella crisalide-La Rocca in vera farfalla sarebbe stata perfetta. E’ un vero peccato, ma probabilmente col tempo Maria Luigia troverà il modo per far emergere il suo enorme talento.