Io nun piango pe’ quarcuno che more,
non l’ho fatto manco pe ‘n genitore,
che morenno m’ha ‘nsegnato a pensare.
Non lo faccio per un altro che more.
Io nun piango
quanno scoppia ‘na guera;
er coraggio de’ l’eroi stesi a tera
io lo premio co’ du’ fiori de serra,
ma nun piango
quanno scoppia ‘na guera.

Poeta senza fine, quanto mi mancherà la tua penna sincera. Non piangerò, l’avresti voluto anche tu: perlomeno non piangerò per te, malato da tempo, ma anche uomo senza tempo.

Piangerò per la mia “vita violentata”, piangerò “quanno casco nello sguardo/ de’ un cane’n vagabondo/ perché ce somijamo in modo assurdo/ semo due soli monno”.

Anche io, come te, sono solo al mondo. Nessuno trova la malinconia negli sguardi altrui come chi la vive continuamente, come chi resta solo, sempre più solo, ogni giorno che passa.

E, se ti hanno lasciato solo, ora, lassù, tra gli angeli in festa, forse anche tu avrai trovato la pace e l’Amore.