Il solito tritacarne. La solita macelleria dei sentimenti. Marco Fantini, uscito piuttosto malconcio dalla scelta di Anna Munafò, la cui relazione con il romanaccio “tanto vero e tanto simpatico” è durata circa dieci secondi (come da copione), si rimette in gioco e da bravo ragazzo cerca una brava ragazza.

La cosa incredibile è che, in quella sentina che è “U&D” la trova pure (Noemi, una ragazza romana, tra l’altro, ma di profilo migliore della precedente, con una laurea appena presa e i buoni sentimenti di una fanciulla di buona famiglia).

Poi, interviene un’altra donna, completamente diversa, che non cerca un uomo, ma una copertina su “Chi”, che non sa nemmeno cosa significa studiare, ma sa che vuol fare la stilista (e ha diciannove anni e una figlia a carico).

Marco, che non è scemo, si ritira in buon ordine. Non la mette nella lista di quelle che non lo interessano per bontà d’animo, ma nemmeno vuole perderci la testa e il tempo, visto che è cosa che più lontano da lui non potrebbe essere.

La fanciulla, tra l’altro, inanella terribili scelte fin da subito: non si dichiara, come dovrebbe; poi, esce con l’altro tronista, facendo l’ochetta, che è poi ciò che le riesce meglio; infine, senza che le telecamere inquadrino (e verrebbe da sorridere, visto che è noto che ciò non è possibile mai), dà un bacio al secondo tomo, pur sostenendo di essere presa o addirittura innamorata di Marco.

E, mentre il Fantini la lascia ai margini, passano le puntate e sembra che la scelta finalmente, per una volta, sia acuta e intelligente e che non si fermi al solo aspetto fisico, vista la profondità dei sentimenti del povero ragazzo.

Ma la padrona di casa non ci sta. Non sia mai che dal fango di “Uomini e donne” esca qualcosa che possa assomigliare ad una vera storia d’amore. No, bisogna che il popolino trionfi e che le scelte siano pilotate dalla redazione, che in questa storia ha già messo troppo spesso le sue simpatiche manacce.

E così la De Filippi si getta in una appassionata difesa dell’indifendibile fedifraga, che ha cominciato a tradire Marco prima perfino di essere scelta (gran bel biglietto da visita). Il Fantini viene messo in mezzo, non può farne a meno, deve passare (e anche questo non è MAI successo) un’intera giornata con lei (che, tra l’altro, nemmeno ha scelto per una esterna nelle ultime settimane).

E in quell’atroce appuntamento la suddetta, vestita come un giocatore della Juventus, fa la svenevole, utilizza tutti i peggiori trucchetti che nemmeno nel bar più malfamato di Caracas, ci mette pure il carico da dodici della coloratissima nonna (che, tra l’altro, mette volentieri le mani addosso al Fantini) e ottiene, con facilità, un bacio.

Che vuoi che sia. E’ la volontà della De Filippi: dunque bisogna rispettarla e fare tutto affinché lei, mica il tronista, sia felice.

Ora, come scrissi a Marco prima che Anna scegliesse, così ora dico a Noemi: fuggi, fuggi via da “Uomini e donne”, senza voltarti mai.